Nessuna possibilità per i sindaci di Forza Italia di presentarsi alle prossime Elezioni Politiche e puntare così ad un posto in Parlamento. Ad escluderlo è lo stesso leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi.

«I sindaci di Forza Italia sono stati eletti con il mandato di ben amministrare le loro città e di questo rispondono ai cittadini: è quindi da escludere l’interruzione anticipata del mandato di sindaco per candidarsi alle elezioni politiche, né d’altra parte risultano richieste in tal senso. In Forza Italia si usa il metodo del libero confronto delle idee e del più ampio pluralismo interno, come è naturale in una grande forza politica di ispirazione liberale, ma certamente non esiste un “partito dei sindaci”», si legge in una nota firmata dall’ex premier.

E continua: «La selezione dei candidati di Forza Italia è materia di competenza esclusiva del Presidente Berlusconi. Naturalmente il Presidente attuerà quanto previsto dallo Statuto e sta ascoltando i suggerimenti di tutti, a partire dai Coordinatori regionali, e con particolare attenzione alle espressioni del territorio e all’apertura delle liste a chi non proviene dalla politica ma dal mondo delle professioni, dell’impresa, del lavoro, della cultura, del volontariato, ed ha dimostrato in quegli ambiti scrupolosa onestà e concreta capacità di realizzazione. Tuttavia nessun mandato è stato attribuito a chicchessia per selezionare candidature».