Ancelotti e “l’esonero annusato”: ecco com’è andata col Napoli


Carletto ha rivitalizzato l'Everton, ma parla dell'addio al club partenopeo: "Mi ha solo dato fastidio che mi si dica: 'Usa la frusta'"

56

In Inghilterra è tornato a essere King Carlo. Grazie ad Ancelotti l’Everton ha totalmente cambiato il corso della sua stagione: 17 punti in 8 giornate, zona retrocessione lontanissima e sogni europei da coltivare in Premier League.



In un’intervista rilasciata al Corriere della Sera, Carletto parla anche della sua esperienza sulla panchina del Napoli, conclusasi con un amaro addio dopo aver centrato la qualificazione agli ottavi di Champions League.

“Non è finita bene ma è stata una buona esperienza – ha detto -. Ho annusato l’esonero, mi ha solo dato fastidio che mi si dica: ‘Usa la frusta’. Non puoi ingaggiarmi e poi dirmi di cambiare il modo di allenare. Me lo hanno chiesto anche al Psg, al Chelsea… solo al Milan non me l’hanno detto perché mi conoscevano”.

De Laurentiis mi ha detto che aveva pensato di cambiare allenatore, gli ho chiesto se era sicuro e, dopo la sua conferma, mi sono messo a cercare una nuova squadra. Non volevo essere pagato senza lavorare, per coincidenza si è liberata la panchina dell’Everton e ho accettato” ha concluso.

 

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE


SHARE