Avvocati, in Campania è record di professionisti


415



Più di 34 mila iscritti all’albo regionale, con la provincia di Napoli che da sola conta oltre 13 mila toghe: sono questi alcune delle statistiche più interessanti contenute nell’annuale report “I numeri dell’avvocatura“, elaborato dalla Cassa Forense nazionale e pubblicato nelle scorse settimane, che lancia anche un allarme su alcune questioni legate alle differenze salariali dei professionisti, che riguardano da vicino sia il genere che la provenienza territoriale.

Oltre 242 mila avvocati in Italia

Partiamo però proprio dai dati: al 31 dicembre 2017, si contano in Italia oltre 242 mila avvocati residenti, con un incremento di 0,4 punti percentuali rispetto all’anno precedente, pari all’incirca a mille professionisti in più, anche se il tasso di crescita risulta in flessione rispetto alla media degli ultimi anni. Non c’è stata insomma una vera e propria frenata, ma anche il mondo della professione forense sta affrontando un cambiamento, che coinvolge anche le dinamiche del rapporto con i clienti e supera anche le barriere fisiche, come dimostra il caso di avvocatoaccanto.com, un vero e proprio studio legale online sul quale interagire con esperti di vari branche della giurisprudenza.

La Campania guida la classifica nazionale

Gli effetti dell’impatto delle nuove tecnologie non sembrano però farsi ancora sentire in Campania, che mantiene salda la sua leadership nazionale per numero di avvocati iscritti all’ordine: all’ultimo censimento risultano infatti attivi

34.330 professionisti, il dato più alto d’Italia per quanto riguarda le regioni, mentre la classifica provinciale vede l’area di Napoli issarsi al terzo posto assoluto con 13.564 iscritti, superata solo da Roma e Milano.

La provincia di Napoli sulla vetta regionale

Per quanto riguarda gli avvocati residenti nelle altre province campane, il secondo gradino del podio viene conquistato da Santa Maria Capua Vetere con 4516 iscritti, mentre al terzo posto c’è Salerno con 4045 professionisti e, come medaglia di legno, troviamo la zona di Nola con 2806 avvocati. In assoluto, la Campania vanta all’incirca il 14 per cento del totale degli avvocati italiani e circa mille iscritti in più di Lombardia (33.601) e Lazio (33.371), che sono le sole regioni che avvicinano i numeri campani.

Quasi sei avvocati ogni mille residenti campani

In pratica, significa che in Campania ci sono quasi sei avvocati ogni mille abitanti, una delle incidenze più alte di tutta Italia; il valore assoluto maggiore è però quello della Calabria (13.310 iscritti), che si avvicina ai 7 avvocati ogni mille abitanti, mentre Lazio e Lombardia registrano percentuali più basse (rispettivamente 5,6 e “appena” 3,3). Il nodo più critico è però quello della differenza di genere, perché anche nel mondo delle toghe il sesso femminile si scopre particolarmente “debole”, sia per numeri che per redditi.

I nodi critici della professione

Secondo l’analisi della Cassa Forense, le oltre 14 mila avvocatesse operanti nelle aule di giustizia campane guadagnano meno della metà dei colleghi di sesso maschile, con redditi medi annuali di circa 14 mila euro (scarsi 1.200 euro al mese), mentre per i quasi 20 mila avvocati uomini campani la retribuzione media supera i 33 mila euro. La distanza con i redditi dei professionisti del Nord è comunque altissima, visto che gli avvocati settentrionali raddoppiano ulteriormente i propri compensi. Nello specifico, si stima che un avvocato attivo al Sud Italia guadagni 30.933 euro all’anno, mentre chi opera nelle regioni del Centro raggiunge i 59.291 euro e chi è attivo al Nord Italia arrivi addirittura a 78.673 euro.

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE


SHARE