Bombe a mano e mortaio in casa di un’anziana: si indaga

0
223

Pistole e bombe a mano, oltre ad un mortaio da guerra, è parte del deposito di armi ritrovato a casa di una 73enne a Tor Bella Monaca nel corso di un sopralluogo per lo sgombero. Per questo i carabinieri della Stazione Roma Tor Bella Monaca hanno denunciato a piede libero la donna, pensionata romana di 73 anni, incensurata, con l’accusa di detenzione illegale di armi e munizioni comuni da sparo e da guerra. Nella sua abitazione, sottoposta ad espropriazione forzata, si sono presentati gli incaricati dell’Istituto vendite giudiziarie che, nel corso del sopralluogo preliminare allo sgombero, hanno notato delle armi e hanno immediatamente allertato le forze dell’ordine.

I militari sono intervenuti insieme alla Squadra artificieri del Comando Provinciale di Roma e al Nucleo Cinofili di Santa Maria di Galeria: proprio grazie al fiuto di un cane addestrato alla ricerca di armi ed esplosivi, i carabinieri hanno recuperato e messo in sicurezza 1 pistola calibro 4,5 con matricola non leggibile, una bomba a mano, un mortaio, 400 munizioni di vari calibri, 6 «stellette ninja» Shuriken a 8 punte, un paio di manette e una paletta con scritta «Servizio di Stato» senza matricola. I Carabinieri hanno avviato le indagini finalizzate ad accertare la provenienza delle armi e delle munizioni.