Casalesi, la moglie del boss a capo del clan: arrestata

746

I carabinieri del reparto territoriale di Aversa (Ce), in San Vittore del Lazio (Fr), supportati dai militari dell’Arma territorialmente competenti, hanno dato esecuzione a all’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal gip del Tribunale di Napoli, su richiesta della locale Dda, nei confronti di Franca Cotugno, classe 1970, residente a Giugliano in Campania, nel napoletano, moglie di Massimo Perrone, ritenuto capo di una neo-costituita frangia del “clan dei Casalesi”, legata alla fazione “Bidognetti” ed autodefinitasi “nuova gerarchia Casalese”, operante principalmente nei comuni di Sant’Antimo (Na), Giugliano in Campania, Parete (Ce), Mondragone (Ce), Casal di Principe (Ce) e Minturno (Lt). Nel corso delle indagini, e’ stato possibile delineare il ruolo ricoperto dalla destinataria del provvedimento che, in seguito all’arresto del marito, avvenuto nel mese di giugno 2017, avendo piena disponibilita’ e libero accesso ai fondi del clan, ha continuato ad elargire, con cadenza settimanale, emolumenti in favore dei familiari dei componenti dell’associazione criminale al momento detenuti. Tra l’altro, la donna avrebbe minuziosamente eseguito le direttive impartite dal coniuge nel corso dei colloqui tenuti all’interno del carcere, finalizzate a confermare la sussistenza del vincolo associativo e ad affermare il suo ruolo di vertice nei confronti dei sodali. Cotugno e’ stata accompagnata presso la casa circondariale di Roma Rebibbia a disposizione della competente autorita’ giudiziaria.

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE


SHARE