Castellammare, clan D’Alessandro: sequestrati 700mila euro


1114

Gli uomini della guardia di finanza della compagnia di Castellammare di Stabia hanno sequestrato – ai sensi del codice Antimafia – un patrimonio illecito del valore complessivo di circa 700mila euro riconducibile al pluripregiudicato Massimiliano Sola – responsabile di reati di furto, rapina, lesione personale, rissa, detenzione di armi e stupefacenti – ritenuto soggetto socialmente pericoloso e, tra l’altro, elemento di spicco della criminalità di Castellammare di Stabia e  soggetto satellite del clan D’Alessandro. Il sequestro, emesso su proposta della procura di Torre Annunziata, ha riguardato beni mobili e immobili in capo a Sola e al suo nucleo familiare.



I finanzieri sono riusciti a ricostruire l’intero compendio patrimoniale illecitamente accumulato – oggi in capo ai più stretti familiari – direttamente o indirettamente riconducibile al soggetto. Nello specifico, si è ricostruito il flusso di guadagni e di spese dell’intero nucleo familiare negli ultimi 15 anni e lo si è paragonato alla spesa familiare media annua di una medesima famiglia residente al Sud Italia. Pertanto – attesa la sproporzione accertata fra le disponibilità economiche ufficiali e i beni nella disponibilità di Sola – si deve ritenere che viva abitualmente, anche in parte, con i proventi di attività delittuose. Tra i beni soggetti a provvedimento di sequestro ai fini della confisca, vi sono 4 unità immobiliari nel centro di Castellammare di Stabia, un motoveicolo, una mini Cooper ed una Mercedes.

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE


SHARE