Coronavirus, ripartenza in due fasi: a Pasquetta scatteranno le prime aperture


2604

La parola d’ordine resta «gradualità e prudenza», ma ormai si va verso la cosiddetta Fase 2. La riapertura dovrebbe avvenire in due tempi: si inizierebbe dopo Pasquetta da piccole
aperture per le attività produttive per poi arrivare al secondo passaggio dopo il 4 maggio, con una rimodulazione delle misure per spostamenti e uscite. Sarebbe questo l’orientamento emerso nel corso del vertice ieri sera tra il premier Conte e i tecnici in vista della scadenza del Dpcm.
In ogni caso nulla è ancora certo. Durante la riunione, anche se non si sono fatte date per le possibili riaperture, sono stati delineati alcuni punti fermi, a partire dall’applicazione rigorosa di misure di distanziamento. «Finalmente – sottolinea il direttore delle malattie infettive dell’Iss Giovanni Rezza commentando i dati – sembra si inizi a vedere una diminuzione di nuovi casi: dopo una fase di plateau, sembra esserci una discesa, la curva tende a flettere in basso. Ma aspettiamo oggi o domani prima di tirare un sospiro di sollievo». A sostenere le parole ci sono, appunto, i numeri. Per il quarto giorno consecutivo calano i pazienti ricoverati in terapia intensiva.



Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE


SHARE