Denuncia choc: “Mio padre legato al letto dell’ospedale”


681

“Mio padre non e’ totalmente cosciente e’ stanco, sta fermo nella stessa posizione da due mesi”. Su Facebook comincia cosi’ il racconto delle condizioni in cui versa un uomo anziano, ricoverato nella terapia intensiva del Cto di Napoli, dell’Azienda dei Colli. A raccontare tutto e’ il figlio Pasquale, esasperato delle condizioni in cui si trova il padre. “Lo hanno legato al letto”, scrive in un post che dal 18 luglio ad oggi ha ottenuto oltre 13mila condivisioni. L’uomo allega anche una foto che mostra come il padre sia legato al letto.



“Siamo andati a trovarlo un giorno e lo abbiamo trovato legato al letto – afferma – quando abbiamo chiesto il perche’ ci hanno detto che si sporca le mani, si tira il sondino. Tra l’altro era sedato e non capivo come facesse”. E continua nel suo racconto, evidenziando che “era un continuo sporco di feci anche alle mani”. “L’ho fatto presente alla dottoressa di turno – scrive – e lei, il giorno dopo, gli mette un sondino al retto perche’ faceva troppa cacca”. A rispondere e’ stata la direzione strategica dell’ospedale con una nota ufficiale. “Le misure di contenimento, assunte informando i familiari, erano necessarie, urgenti e indifferibili – si legge – dal momento che il paziente in questione, le cui condizioni non consentono una sedazione, piu’ volte aveva tentato di liberarsi dai dispositivi respiratori che lo mantenevano e, attualmente, lo mantengono in vita”. “I familiari del paziente durante tutto il periodo di degenza – viene sottolineato – sono stati costantemente informati e aggiornati sulle condizioni del loro congiunto e sulla necessita’ dell’applicazione delle misure contenitive, rispetto alle quali i familiari informati non manifestavano disappunto, avendone compreso la necessita’”.

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE


SHARE