Dieci giorni di visite e operazioni, muore 22enne casertana

0
30731

È il giorno dell’autopsia, oggi, sul corpo della ragazza di 22 anni, Maura di Puoti, che è deceduta due notti fa nel reparto di rianimazione dell’Ospedale Civile modenese di Baggiovara, dopo 10 giorni di esami e interventi chirurgici. La procura di Modena, informata ieri mattina dall’Ausl, ha già acquisito le cartelle cliniche e intende fare luce sull’accaduto. Il fascicolo aperto dal sostituto procuratore Marco Niccolini è per l’ipotesi di reato di omicidio colposo: indagati alcuni medici. La ragazza, operata di peritonite, sarebbe stata uccisa da uno choc emorragico.

A riportare la morte di Maura ieri era stata proprio una nota dell’azienda ospedaliero universitaria di Modena. La paziente, si legge, «proveniva dall’Ospedale di Sassuolo, ove nei giorni scorsi era stata sottoposta a un intervento chirurgico. Previ contatti tra i professionisti, nella tarda serata di giovedì 17 ottobre la paziente era stata trasferita presso l’Ospedale Civile di Baggiovara per essere sottoposta ad approfondimenti diagnostici radiologici. Purtroppo, nonostante l’attivazione di tutti gli specialisti e le procedure necessarie per la gestione del caso, dopo repentino aggravamento e pur a fronte della tempestiva attivazione di tutte le misure rianimatorie, la giovane donna è deceduta nelle prime ore di questa mattina».

«Un evento tragico, imprevedibile – è intervenuto anche l’Ospedale di Sassuolo – che lascia sgomenti tutti i sanitari e addolora profondamente. Tutti gli accertamenti su quanto accaduto sono già stati disposti ed è stata aperta anche un’indagine interna. La paziente, dopo un accesso in Pronto Soccorso a Vignola, è stata portata a Sassuolo il 7 ottobre scorso dove ha eseguito un intervento chirurgico urgente, il cui decorso post-operatorio è parso regolare».

«A seguito di una sintomatologia dolorosa lamentata dalla stessa paziente – ha aggiunto l’ospedale -, non apparentemente riconducibile a complicanze legate all’intervento, sono stati disposti diversi approfondimenti diagnostici, effettuati nei giorni scorsi in ospedale a Sassuolo». Nonostante un quadro clinico stabile, prosegue l’ospedale, «sono stati programmati ulteriori approfondimenti per indagini di II livello eseguibili presso l’Ospedale Sant’Agostino-Estense di Modena (Baggiovara), dove la paziente è stata trasferita in ambulanza». Qui è stata eseguita un’angiotac, poi, dopo un improvviso peggioramento, la ragazza è stata trasferita in rianimazione, dove è morta.

Numerose, sui social, le espressioni di dolore e cordoglio per Maura, originaria di Casaluce, Caserta, ma residente a Castelvetro, nel Modenese. «Casaluce piange un angelo – scrive un’amica su Facebook -. In questo momento di grande e sgomento dolore non voglio aggiungere nulla se non prendermela con un ingrato e crudele destino che si è preso una grande promessa, una ragazza con tanti sogni nel cassetto, una giovane ragazza che stava inseguendo un successo. Non si può accettare una morte a soli 22 anni».