Dietrofront sui trapianti per i bambini, il comitato genitori chiede aiuto a De Luca


119

«Una decisione che altera gli equilibri faticosamente raggiunti». È quanto lamenta il Comitato dei genitori dei bimbi trapiantanti, in merito a «una decisione dell’ azienda ospedaliera in merito ai percorsi per i bambini trapiantati e in attesa di trapianto «Sul sito della Azienda dei Colli è stata pubblicata una delibera – sottolineano dal Comitato – che fa compiere all’organizzazione del centro napoletano di trapianti di cuore un salto indietro di anni». «Un film già visto – dice Mena Di Maso, mamma di Vincenzo trapiantato poco più di un anno fa – è stata gettata una colata di cemento su un prato appena seminato che sta germogliando e se ne vanno lasciando le nostre speranze al punto di partenza«. La sensazione, come evidenzia Dafne Palmieri, portavoce del Comitato, è di aver pescato una carta al Monopoli ‘Riparti dal vià. «Questa delibera – spiega – stravolge il concetto della presa in carico del paziente, toglie importanza a un approccio integrato dei percorsi di cura, non segue le indicazioni del Piano di sviluppo del Sistema Sanitario Regionale e, dopo un anno di inadempienza, corre ai ripari pubblicando l’organizzazione proprio qualche giorno prima di un audit che dovrebbe analizzare i dati». La delibera riporta in premessa che il Centro regionale Trapianti ha riscontrato, fanno sapere dal Comitato, gravi criticità nella gestione delle liste di attesa e nell’assegnazione degli organi.



Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE


SHARE