Fase 2, a Napoli sciopero della fame del gestore di negozi souvenir

0
144

Il “Governo si attivi al piu’ presto per far ripartire il turismo o il nostro settore sara’ la prima vittima post-Covid”. A lanciare l’allarme e’ Antonio Esposito gestore, nei pressi di piazza Municipio a Napoli, di negozi per la vendita di prodotti tipici, pizze e souvenir. Come scritto anche su un grande cartello, Esposito minaccia di essere pronto ad attuare lo sciopero della fame a nome di tutti i colleghi: “Il mio settore a Napoli consente a migliaia di persone di lavorare, ma senza la materia prima, i turisti, i costi da affrontare diventano giorno dopo giorno sempre piu’ esorbitanti e non credo che resti molto tempo prima di vedere abbassarsi centinaia di saracinesche come le mie”. I negozi di Esposito, a due passi da piazza del Plebiscito, Maschio Angioino e porto, in questo periodo dell’anno catalizzavano l’attenzione di intere comitive di turisti molti dei quali appena scesi dalle navi da crociera. “Non chiedo – tiene a chiarire Esposito – sussidi o aiuti economici che il Governo fa bene a destinare a chi si e’ rimasto senza reddito ma chiedo che tutto quello che si puo’ fare accelerare la riapertura del Paese deve essere fatto”.