Il sindaco di Aversa aggredito: voleva far rispettare le norme anti Coronavirus

0
1035

In giro per la città a caccia di trasgressori delle norme anti-Covid-19, ha chiesto ad alcuni cittadini in fila all’esterno di una banca di rispettare le reciproche distanze di sicurezza, ma è stato aggredito da una delle persone, che poi si è dileguata. È accaduto al sindaco di Aversa Alfonso Golia, che dopo quanto accaduto è tornato a scrivere al governatore De Luca, chiedendo per la seconda volta l’invio dell’Esercito ad Aversa «per fronteggiare l’aumento di persone in strada».

«Forze dell’ordine e Polizia Municipale pattugliano sempre il territorio ma hanno organici carenti» scrive Golia. Proprio la municipale ha acquisito i filmati delle telecamere esterne della banca per individuare l’aggressore del primo cittadino. Il fatto si è verificato all’esterno della filiale dell’Unicredit di piazza Vittorio Emanuele, la stessa dove nel novembre scorso fu messa a segno una rapina da cinema, con auto e tir messi di traverso per le strade e un intero comparto con le cassette di sicurezza portato via. Golia gira spesso per le strade per controllare il rispetto da parte dei cittadini delle norme disposte dal Governo per il contenimento da Coronavirus. Oggi ha notato una lunga coda all’esterno dell’istituto di credito, si è fermato e ha chiesto il rispetto del metro di distanza; dalla fila è uscito un uomo che ha iniziato ad inveire e poi si è avventato contro il sindaco. È dovuta intervenire una guardia giurata per evitare il peggio. L’uomo è fuggito.