Incinta di 7 mesi, le asportano mezzo fegato per un tumore


859

Una paziente di 27 anni, alla 17esima settimana di gravidanza, è stata sottoposta con successo ad un delicato intervento chirurgico di asportazione parziale del fegato per un angioma gigante (circa 20 cm di diametro). L’intervento chirurgico è stato eseguito presso il DAI di Gastroenterologia, Endocrinologia e Chirurgia Endoscopica del Policlinico Federico II di Napoli, diretto dal prof Giovanni Domenico De Palma e si è reso necessario per l’elevato rischio di rottura del tumore, con conseguente sanguinamento, che avrebbe messo a rischio la vita della paziente e quella del feto.



L’intervento è stato eseguito, per via completamente laparoscopica, dall’equipe chirurgica coordinata dal prof Roberto Troisi, Professore Ordinario di Chirurgia generale dell’Università Federico II di Napoli. L’equipe anestesiologica, coordinata da Giuseppe De Simone, della UOC di Anestesia e Rianimazione dell’AOU Federico II, diretta da Giuseppe Servillo, si è avvalsa del supporto dei ginecologi dell’Azienda per monitorare lo stato del feto durante tutto l’intervento, durato circa tre ore.

La paziente è stata dimessa dall’ospedale quattro giorni dopo l’intervento chirurgico. Sia lei che la bimba che porta in grembo sono in ottime condizioni, riferiscono al Policlinico Federico II di Napoli. Si tratta – sottolineano i sanitari – di uno dei pochissimi casi al mondo di resezione epatica condotto in gravidanza, per via laparoscopica. Grande emozione e soddisfazione per tutto il personale coinvolto nel complesso e delicatissimo intervento ed in particolare per l’equipe operatoria di Troisi, uno dei massimi esperti mondiali di chirurgia del fegato, del pancreas e dei trapianti epatici, da pochi mesi rientrato in Italia, dopo aver diretto, in Belgio, per molti anni, uno dei più avanzati e prestigiosi centri di Chirurgia epatica in Europa.

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE


SHARE