La cura Salvini per i danni causati dal coronavirus


"Nelle grandi città come Milano che stanno risentendo pesantemente del blocco delle attività, bisognerebbe pensare ad un periodo tax free"

111

L’aumento dei contagi di coronavirus sta paralizzando il Nord Italia. Milano e Torino, i due casi più eclatanti: sembrano fantasma, con supermercati presi d’assalto con scene che si vedono soltanto nei film. Matteo Salvini, dopo aver attaccato il premier Conte in diretta tv (“si diventa”), fornisce sui social la cura della Lega a favore delle famiglie e delle imprese che stanno pagando le conseguenze del coronavirus.



“Serve lo stop a versamenti Iva, Irap, Irpef, contributi Inps e altri adempimenti fiscali per attività commerciali, artigiani, liberi professionisti e categorie produttive colpiti dalle ordinanze restrittive” scrive il leader del Carroccio su Facebook.

“Il Governo dovrebbe, inoltre, riunire le banche per verificare lo slittamento delle rate dei mutui – aggiunge -. Per agevolare la ripresa delle zone interessate ai provvedimenti restrittivi, in particolare nelle grandi città come Milano che stanno risentendo pesantemente del blocco delle attività, bisognerebbe pensare ad un periodo tax free. Suggeriamo inoltre un piano strutturato che preveda l’estensione a tutto il territorio nazionale di questo tipo di provvedimenti, pretendendo dalla Commissione Europea lo scorporo dai parametri di deficit di tutte le iniziative economiche messe in campo per fronteggiare la grave crisi sanitaria in cui si trova l’Italia”.

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE


SHARE