La denuncia della mamma «Io a scuola picchiata dal marito della maestra»


467

Un’aggressione a scuola, due versioni diametralmente opposte e al centro un bambino di prima elementare che adesso non vuole più entrare in classe. È la storia raccontata da Anna, mamma di un bambino di sei anni che frequenta l’istituto Comprensivo Campo del Moroncino Umberto I di Napoli in piazza Guglielmo Pepe. È lei che per prima ha denunciato una maestra e il marito rei, a suo dire, di una doppia aggressione. Anna era andata a scuola per chiedere spiegazioni su un presunto atto di violenza ai danni del piccolo, ma sarebbe a sua volta stata aggredita dal marito della maestra. Opposta la versione dell’insegnante che, nella relazione fornita al dirigente scolastico Carmine Negro, che ha aperto un’inchiesta interna, ha detto che il marito era intervenuto in sua difesa perchè vittima dell’aggressione da parte della signora Anna.



La verità si conoscerà solo al termine dell’indagine della magistratura in quanto Anna, dopo la presunta aggressione, ha prima allertato i carabinieri e poi si è fatta refertare in ospedale procedendo con la querela di parte. La maestra nel frattempo è assente perchè ha chiesto un periodo di malattia e la sua classe è stata presa in carico da altri. «Io sono andata a scuola per chiedere spiegazioni di quanto mi avevano riferito – ha raccontato Anna – Ma appena messo piede in classe il marito della maestra mi ha picchiata, schiaffeggiata e poi preso a calci. Una scena allucinante. Sono arrabbiata e delusa perché i bimbi devono essere tutelati – ha raccontato ancora Anna – noi mamme siamo stanche, se portiamo i nostri figli a scuola vogliamo stare tranquille. In più la vicenda è culminata con l’aggressione da parte di un uomo ad una donna. Una cosa assurda. Mio figlio adesso è spaventato e non vuole più andare a scuola. Questa storia deve finire».

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE


SHARE