La minicrociera nel Golfo cambia rotta, ​insulti e spintoni a bordo

0
650

Passeggeri in rivolta per il mancato rispetto dell’ itinerario concordato di un tour nel Golfo di Napoli sulla motonave «Myriam» della «Gestur srl». La motonave con circa 200 persone era partita stamattina dal porto di Pozzuoli diretta a Capri ed Amalfi per una minicrociera che prevedeva un tuffo al largo dell’isola azzurra ed una escursione ad Amalfi, con pranzo a bordo. Costo del biglietto, 50 euro.

L’itinerario, però, poche miglia dopo la partenza ha subito un brusco cambiamento a causa delle condizioni meteomarine sfavorevoli. Il comandante della motonave, per la sicurezza dei croceristi, ha puntato su Ischia, dove le condizioni meteo erano più favorevoli. Ad Ischia i passeggeri della «Myriam» hanno potuto fare il bagno e pranzare. Al momento di ripartire, però, quando il comandante li ha informati dell’ impossibilità di proseguire la crociera secondo l’itinerario previsto, è stato aggredito verbalmente da un gruppo di passeggeri. Sono volate ingiurie e c’ è stato qualche spintone.

Dell’ accaduto è’ stata informata la capitaneria di porto di Pozzuoli. Un gruppo di passeggeri ha fatto rientro; qui la contestazione verso il personale di bordo ed i responsabili della società è continuato. L’ intervento degli uomini della Capitaneria di Porto, coordinati dal comandante Cosimo Pichierri, ha riportato la calma. Il capitano della «Myriam», il personale di bordo e la responsabile della società sono stati ascoltati in Capitaneria insieme ad alcuni passeggeri. La società si è dichiarata disponibile a rimborsare con un voucher la minicrociera mancata.