1. Controllate che non vi siano perdite

Controllare che le tubature e i rubinetti in genere non siano soggetti a perdite è molto importante per poter contrastare gli sperchi.

Controllare periodicamente tutti i vostri rubinetti è fondamentale per osservare che non ci siano perdite: pensate che lo sgocciolamento di un rubinetto può arrivare a farvi sprecare 20 litri di acqua al giorno!

2. Applicate un riduttore di flusso ai vostri lavandini

Avete mai sentito parlare dei riduttori per i rubinetti? Si tratta di semplici dispositivi grazie ai quali l’acqua si miscela con l’aria e voi otterrete un risparmio del 30%…mica male!

Avrete comunque un getto omogeneo e in grado di aiutarvi a sciacquare piatti e posate o  a lavarvi il viso, senza che fuoriesca un getto d’acqua eccessivo e oggettivamente inutile a compiere il lavoro di cui necessitate.

3. Utilizzate la doccia

Se dovete scegliere dove lavarvi scegliete assolutamente la doccia. Coloro che si lavano attraverso la vasca da bagno, generalmente, sprecano molta più acqua.

Inoltre vi consigliamo di fare docce brevi ed evitare temperature troppo altre, cercando di chiudere l’acqua quando non vi serve.Volete un altro motivo per chiudere il getto? Pensate che per ogni doccia si consumano dai 5 ai 10 litri di acqua al minuto.

4. Evitate di lavare i piatti a mano

Cercate di non lavare i piatti a mano, se possibile, e se proprio non potete aspettare di far partire la lavastoviglie, allora chiudete il rubinetto nel momento dedicato all’insaponatura delle stoviglie.

5. Usate sempre lavastoviglie e lavatrice a pieno carico

Ovviamente nè la lavastoglie nè la lavatrice vanno avviate se non sono perfettamente cariche: avviare il programma in un momento in cui il carico non è comleto vuole dire sprecare una consistente quantità di acqua.

Cercate di farla partire quando è piena, oppure ricordate di impostare i lavaggi a mezzo carico.

6. Acquistate elettrodomestici di classe A+

Sempre per parlare di risparmio e di elettrodomestici, vi consiglaimo di valutare l’acquisto di un prodotto classe A+.

Nonostante abbiano un costo maggiore, essi riducono lo spreco d’acqua e di conseguenza vi ripagheranno delle spese iniziali con il passare del tempo.

7. Riutilizzate l’acqua

Se avete lavato ad esempio delle verdure, utilizzate l’acqua rimasta per annaffiare il giardino o le vostre piante.

8. Raccogliete l’acqua piovana

L’acqua piovana va raccolta, dove possibile, ed utilizzatela per quei momenti in cui non è indispensabile l’acqua potabile, ad esempio per lavare l’automobile o i pavimenti esterni.

9. Innaffiate il giardino al mattino

Tale consiglio vi permette non solo risparmierete acqua, ma eviterete anche la crescita di funghi o la comparsa di parassiti.

10. Non esagerate con lo sciacquone del wc!

Optate per uno sciacquone del bagno con lo scarico differenziato e a doppio pulsante.

Ognuno di noi, soltanto tirando l’acqua dopo essere andato in bagno, consuma circa 10 litri ad ogni getto.

Per ridurre questo dato è sufficiente regolare il galleggiante interno della vaschetta, lavoro che deve fare un professionista.

Altri consigli:

Se disponete di un deumidificatore, avete mai pensato che l’acqua raccolta nella vaschetta è ideale per il ferro da stiro? Usare questo accorgimento vi permetterà anche di risparmiare i soldi per l’acqua distillata!