Le suore di Castellammare confezionano mascherine: il Papa le ringrazia

0
564

Oltre 200 mascherine in tela, cucite in soli due giorni, guardando dei video tutorial. Oltre alle preghiere, le suore dei monasteri dell’arcidiocesi Sorrento-Castellammare di Stabia hanno voluto dare un contributo concreto all’emergenza coronavirus. Un atto di generosita’ che ha superato i confini della Campania ed e’ arrivato alla Santa sede, tanto che l’elemosiniere del Papa, Konrad Krajewski, ha ringraziato le suore a nome del Santo Padre. “Ho saputo di questa iniziativa, e’ una cosa bella. Ho preso la vostra idea e ho chiesto ad alcune persone di produrle, il giorno dopo una vecchietta mi ha portato 20 mascherine. Vi incoraggio a continuare, di qualunque cosa hai bisogno, tu chiamami”, ha detto il cardinale Krajewski nella sua telefonata a un incredulo ed emozionato don Raimondo Di Rienzo, assistente diocesano del Servizio pastorale della salute, secondo quanto lui stesso riferisce. Era stata sua l’idea di chiedere, attraverso una lettera, un supporto alle suore dei monasteri della diocesi. “Speculano sulla salute e la paura della gente, non e’ giusto – spiega Di Rienzo – io stesso ne sono stato vittima, pagando una mascherina 20 euro. Ho quindi immaginato di chiedere un aiuto concreto alle suore e la loro risposta e’ stata caritatevole e immediata”. La richiesta di realizzare mascherine e’ stata estesa anche ai parroci e ai fedeli della diocesi e, anche in questo caso, la risposta non sta tardando ad arrivare.