«Rispondo pubblicamente ai tanti che mi hanno scritto e che mi hanno chiesto della mia candidatura: sono nuovamente a disposizione e lo faccio per la #RivoluzioneCulturale che abbiamo iniziato», ha dichiarato Luigi Gallo del Movimento 5 Stelle.

«In 15 anni da attivista sociale e politico – continua – sono entrato in contatto con le persone più belle della nostra società, persone disinteressate che donano energia, tempo e soldi. Persone che combattono le ingiustizie e difendono i beni comuni , la nostra amata terra con tutti gli esseri viventi di cui è popolata. In 5 anni in parlamento ho conosciuto centinaia di portavoce che fanno lo stesso. In 5 anni di Parlamento abbiamo iniziato a gettare le basi di un cambiamento, sottratto beni culturali alla speculazione, progettato un nuovo futuro per dei territori, fermate speculazioni criminali. In 5 anni abbiamo costruito un programma preciso, completo con alta professionalità per la scuola, l’università e la cultura. In 5 anni ogni voce sul territorio è arrivata in Parlamento e abbiamo strappato terreno alla malapolitca, ai furbetti, ai criminali».

«Ora è il momento di spazzare via tutto il marcio che resta. È il momento di rendere grande la nostra terra con dei portavoce degni , integerrimi, che guardano solo al bene comune di tutti i cittadini e che possono produrre azioni di governo per il Paese, coerenti con il programma che avete votato e riportare sviluppo e prosperità alla nostra terra. Avrò sempre l’orecchio sul territorio e il continuo contatto con i cittadini e con i meetup che non è mai mancato in questi 5 anni. Ad ogni chiamata ho sempre risposto. Ho scelto di non essere solo, ho scelto di essere libero e sempre coerente con il programma, di poter contare sempre su una rete di persone che si mettono in gioco e fanno il possibile per continuare a difendere il BENE COMUNE. Io farò la mia parte impegnandomi sempre di più nei processi di partecipazione. Fra qualche giorno toccherà a te scegliere i portavoce che arriveranno in parlamento», conclude Gallo.