Napoli, pericoloso detenuto visita i parenti nel campo rom: bimbo finge malore e lui evade

0
787

Nella tarda mattinata di oggi un pericoloso detenuto di etnia rom è evaso durante la visita ad un familiare al campo rom di Secondigliano. A comunicarlo è il segretario generale del sindacato S.PP. Aldo Di Giacomo: «Il detenuto era scortato da sette uomini, quattro del carcere di Frosinone da cui era stato tradotto e tre di supporto dal carcere di Secondigliano. Dalle prime indiscrezioni parrebbe che nel campo rom sia stato scenato il malore di un bambino per consentire al detenuto di darsela a gambe levate. «È ora di smetterla con questo buonismo nella concessione di permessi – conclude Di Giacomo – dai quali ne scaturisce un elevato indice di evasione. Noi ancora una volta siamo dalla parte delle vittime e dei poliziotti penitenziari». Il detenuto, ricercato dalle forze dell’ordine, si chiama Rade Nikolic, è nato in Serbia, ed ha 38 anni. Era stato recluso anche nel carcere di Secondigliano, ma a causa della sua pericolosità e per un fondato pericolo di fuga, gli erano stati sospesi i permessi.