San Giuseppe Vesuviano: il convegno leopardiano di Raffaele Urraro


521

NAPOLI. Incontriamo il prof. Raffaele Urraro per parlare del Convegno leopardiano organizzato da lui e patrocinato dal Comune di San Giuseppe Vesuviano, che si svolgerà nella Sala del Consiglio Comunale il 14 giugno 2017, dalle ore 17. Lo incontriamo per rivolgergli qualche domanda proprio sul Convegno. Infatti ad alcuni è sembrato strano che a San Giuseppe Vesuviano si parlasse, in un incontro tra leopardisti di grande livello, provenienti da varie università italiane e qualcuna addirittura dall’università di Madrid, del poeta e filosofo Giacomo Leopardi.



Professore, come mai questo convegno?

Giacomo Leopardi è un grandissimo poeta e un grandissimo filosofo, ancora molto attuale. Tutte le sue opere, sia in versi che in prosa, parlano ancora alla sensibilità dell’uomo di oggi. Cesare Garboli addirittura parlò di Leopardi come di un meteorite precipitato per caso nell’Ottocento, e Mario Martone, il regista, ha detto che  Leopardi ha più cose da dire oggi che al suo tempo.

In che senso può parlare alla sensibilità dell’uomo moderno?

Le sue opere affrontano argomenti ancora attuali; esse suscitano interrogativi problematici negli uomini di oggi; la sua filosofia anticipa per tanti aspetti il pensiero moderno; molte indagini sue furono condotte su temi quali la natura, la civiltà, la tecnica, la scienza, il progresso, che costituiscono ancora oggi motivi di discussioni e di dibattiti; la sua poesia è anch’essa modernissima sia per i contenuti che per la forma artistica.

E perché proprio a San Giuseppe Vesuviano un convegno su Leopardi?

La risposta è molto semplice: perché l’ho organizzato io che ho dedicato circa vent’anni allo studio di Leopardi pubblicando due voluminosi saggi su di lui editi da Olschki, uno degli editori più prestigiosi al mondo. Quindi nel mio paese sono nati due libri su di lui, indipendentemente dal fatto che li abbia scritti io. Nata l’idea del convegno, ho proposto il progetto al Sindaco Vincenzo Catapano e all’Assessore alla Cultura Dolores Leone i quali lo hanno subito accettato finanziandolo. Ti dico di più: dopo questo convegno avanzerò la proposta al Comune di istituzionalizzare la data del 14 giugno, giorno della morte del poeta, consacrandola a lui con un incontro tra studiosi che dedicano al Racanatese la loro vita intellettuale.

Guardando il programma, si legge che interverrà anche il Presidente del Centro Nazionale Studi Leopardiani, dott. Fabio Corvatta. Ci sono rapporti con Recanati?

Sì, certamente. E sono rapporti ottimi. Il 26 ottobre scorso ho presentato il mio secondo libro leopardiano proprio nel tempio del poeta, cioè nella Sala del CNSL. Alla presentazione presero parte la Prof.ssa Laura Melosi dell’Università di Macerata e il Presidente Corvatta che farà di tutto per essere presente al nostro Convegno. Il Centro si è sempre messo a mia disposizione per fornirmi i documenti necessari alle mie ricerche.

Auguri per una buona riuscita del Convegno.

Ti ringrazio. Spero solo che non manchi la partecipazione dei cittadini. Sarebbe un vero peccato dopo tanto impegno organizzativo da parte mia e dopo tanti sforzi da parte del Comune.

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE


SHARE