Sacerdote attacca la Lega durante l’omelia: scoppia la bagarre in chiesa

0
92

«Rammarica venire a conoscenza che, questa mattina durate la messa celebrata alle 11.00 presso la chiesetta di Montevergine a Caserta, padre Michele Santoro, del convento francescano di Marcianise, abbia trasformato l’omelia della celebrazione in una forte polemica verso le attività della Lega, apostrofando i suoi aderenti come “assassini”» Lo afferma il senatore della Lega Claudio Barbaro, capogruppo in Commissione Cultura a Palazzo Madama.

«Al di là della libera opinione del frate, l’uso dell’altare come tribuna politica senza possibilità di dibattito -aggiunge- è da ascrivere non solo ad un improprio uso della celebrazione religiosa ma anche ad un modo di operare ben poco democratico sottolineato, inoltre, dal rifiuto di accettare il confronto con quanti, alla fine della Messa, avevano cercato il dialogo. Non può che dispiacere questo comportamento, soprattutto davanti a quei fedeli che, nella domenica della Supplica alla Madonna di Pompei, per questi motivi, non hanno potuto godere con serenità del momento di fede».

«Ritengo che questo tipo di polemiche -conclude Barbaro- debbano restare lontano dagli altari e mi rendo disponibile fin da ora a padre Michele per un confronto che possa aprirsi e svolgersi come un sereno e pacifico dialogo tra le parti in una sede opportuna ed aperta a quanti vogliano offrire la propria opinione. Magari dopo aver partecipato, da fedele, a una sua celebrazione».