Salvini a Napoli, arrivano i black block: scontri con la polizia e Fuorigrotta devastata


353

Carica della polizia contro i manifestanti lungo via Giulio Cesare a Napoli. Cellulari, camionette della polizia e agenti a passo di corsa contro oltre un centinaio di manifestanti e con il volto coperto che hanno ingaggiato un fitto lancio di oggetti e fumogeni contro le forze dell’ordine. Lo scontro e’ molto violento e prosegue lungo via Giulio Cesare per diversi metri. Gran parte del corteo pacifico e’ disperso. In strade solo i facinorosi. Una camionetta dei carabinieri, che si era fermata, e’ stata assaltata da un gruppo di manifestanti con mazze. L’area e’ irrespirabile per l’alto numero di lacrimogeni sparati dalle forze dell’ordine. In azione ancora un idrante. Durante lo scontro tra manifestanti incappucciati e con il volto coperto e le forze dell’ordine, nei pressi della Mostra d’Oltremare di Napoli, una molotov ha colpito un cellulare dei carabinieri e provocato un principio di incendio subito estinto. Terrore tra la gente che sta cercando rifugio nei palazzi circostanti. Piazzale Tecchio, via Diocleziano e via Giulio Cesare sono ridotte a un campo di battaglia, con i cassonetti dei rifiuti dati alle fiamme e riversi in strada. In azione anche gli idranti.



Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE


SHARE