Sbaglia diagnosi e gli asportano testicolo: medico a processo


2279

Gli asportano un testicolo a causa di un ritardo nell’individuazione della diagnosi corretta: ora un medico del pronto soccorso dell’Umberto I finisce a processo. Lo ha deciso il gup del tribunale di Nocera Inferiore: il medico è accusato di lesioni colpose gravi. I fatti sono datati 18 giugno 2011, quando un minore, dopo essere caduto dalla bici, lamentò dolori alle parti intime. Secondo la denuncia dei genitori, dopo una prima ecografia, il medico di turno riferì che bisognava trattare il caso come una contusione, senza l’obbligo di prescrizioni particolari. Il ragazzo tornò in ospedale il giorno dopo, per il dolore che intanto era aumentato, così come la febbre comparsa durante la notte.



A quel punto, un secondo medico gli prescrisse un antidolorifico, riferendo che una visita presso l’urologo – assente quel giorno – non fosse necessaria. Il ragazzo peggiorò nella notte e il terzo giorno, ritornando in ospedale, fu sottoposto ad una nuova ecografia e poi ad un’operazione, con l’asportazione del testicolo, in uno stato grave di infiammazione. La famiglia sporse a quel punto denuncia ai carabinieri, raccontando i rifiuti e i no dei medici in quei tre giorni. Secondo il sostituto procuratore Ernesto Caggiano, fu il primo medico che visitò il ragazzo a dove essere processato. Per lui c’è l’aggravante di aver causato un danno permanente al minore, oggi 19enne. Omettendo di sottoporlo ad una visita approfondita, dimostrando «negligenza, imprudenza ed imperizia».

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE


SHARE