Si lanciò dal quarto piano, fidanzato condannato a 22 anni. I legali: “Dentro un innocente”

0
226

La terza Corte d’Assise di Napoli ha condannato a 22 anni di reclusione Mario Perrotta, l’ex compagno di Arianna Flagiello, la donna di 33 anni che il 19 agosto 2015, a Napoli, si lancio’ dal quarto piano del palazzo dove abitava dopo una lite con Perrotta in presenza della madre di lei. I giudici hanno ritenuto che la donna si sia uccisa a causa dei maltrattamenti a cui Perrotta la sottoponeva. Perrotta era anche accusato di istigazione al suicidio, reato che e’ stato assorbito da quello di morte come conseguenza di maltrattamenti. I giudici hanno infine assolto l’uomo dal reato di estorsione. Subito dopo il verdetto Perrotta e’ stato ammanettato e condotto in carcere.

La sentenza e’ giunta al termine di una arringa della difesa di Perrotta, costituita dagli avvocati Sergio Pisani e Maurizio Zuccaro, durata diverse ore. “La Difesa – commentano gli avvocati Pisani e Zuccaro – ritiene che non vi sia alcuna possibilita’ di giustificare questa condanna in punto di diritto, se sussiste il requisito della attualita’ per la misure cautelare applicata. Escono i camorristi ed entrano in carcere gli incensurati”, hanno commentato i due legali.