Vergogna a Scampia, la giovane vicina svuota la casa di un 90enne e tenta di cacciare via l’anziano


124

A seguito di telefonata al 112 i carabinieri della stazione quartiere 167 intervengono d’urgenza in via attilio micheluzzi, a Scampia: c’è un signore di 90 anni che segnala lo strano “malfunzionamento” della serratura di casa sua dopo una assenza di circa una settimana. Sul posto, dopo i primi accertamenti, vengono fatti intervenire anche i vigili del fuoco di napoli, che procedono ad aprire la porta. I militari entrano nell’abitazione. la casa è stata ripulita degli averi del 90enne: mancano gli abiti e gli effetti personali; ci sono ancora i mobili (sembra quasi che nessuno li abbia toccati se non per svuotarli); sul pavimento ci sta materiale per la pulizia di pavimenti e piastrelle che non appartiene al vecchietto. Mentre vanno avanti gli accertamenti per identificare chi ha aperto la casa cambiato la serratura e svuotato l’appartamento si materializza una 23nne che insieme alla madre, al compagno e a un figlio piccolo abita accanto. È figlia di un noto personaggio legato alla criminalità organizzata dell’area il cui omicidio diede avvio a una della faide di camorra più cruente della storia criminale di Napoli. Confessa di essere stata lei a fare il tutto pensando che il vecchietto se ne fosse andato via. Omette di rispondere sulla mancanza degli averi dell’anziano. Rifiuta di consegnare le chiavi, anche se ammette che è stata lei a far cambiare la serratura e che aveva intenzione di andarci a vivere con il compagno e il figlio piccolo. Il proprietario, dopo ulteriore cambio di serratura, viene rimesso in possesso della sua casa. La donna denunciata per violazione di domicilio aggravata. La sua posizione è al vaglio degli inquirenti anche riguardo alla mancanza delle cose del 90enne.



Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE


SHARE