Zanardi potrebbe farcela ma “avrà danni alla vista”

0
211

“Le condizioni continuano a essere stabili dal punto di vista cardio-respiratorio, è sempre ventilato meccanicamente, e anche i parametri metabolici restano stabili. Quindi il quadro clinico generale è tutto sommato buono. C’è da confermare la gravità del quadro neurologico, che andrà valutato nella prossima settimana quando le condizioni cliniche lo permetteranno”. Questo il quadro clinico di Alex Zanardi illustrato dal professor Sabino Scolletta, direttore del Dipartimento dell’Emergenza-Urgenza e dei trapianti dell’aziendo ospedaliero-universitaria senese. “Probabilmente sta rispondendo molto bene, siamo fiduciosi che lo stato pre trauma possa condizionare anche la stabilità del decorso”, ha detto il dottore in una dichiarazione alla stampa rilanciata dagli account social della struttura. “Le conseguenze sulla vista ci possono essere e abbiamo chiesto consulenze da parte degli oculusti perché c’è qualche lesione oculare. Il trauma facciale c’è ed è probabile che ci possano essere lesioni di quel tipo ma si potranno avere delle stime a livello oculare tra qualche giorno. I sedativi non ci permettono di fare una valutazione neurologica”. “Nel caso di stabilità è molto probabile che la prossima settimana potremmo eventualmente pensare di sospendere la sedazione. Non è possibile che io mi possa sbilanciare in questo momento”.